Carpino: ora sono proprio spaventato

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da scarboc il Lun Ago 24, 2015 2:52 pm

Eh non è una bella cosa, sembrano aree necrotiche, potrebbe essere una virosi/batteriosi di quelle serie. Tanto per non sbagliare dividila dalle altre piante e disinfetta tutto quello che usi per il carpino.
Ci vorrebbe il patologo...
GOOOOOOJUUUUUUUU

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Lun Ago 24, 2015 3:12 pm

GoJu non torna più Crying or Very sad
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Lun Ago 24, 2015 5:48 pm

Ho fatto ulteriori controlli con un cutter, al di sotto della piastra annerita "asciutta" ho trovato sia corteccia viva che morta, dove essudava ho trovato alcune necrosi che arrivano al legno. Credo che sia cancro rameale, ben poco diffuso fortunatamente, ora ho trattato tutta la piante, foglie zone infette e substrato, con un prodotto a base di difenoconazolo.
Non so se si può curare o almeno contenere tipo rogna dell'ulivo, visto che la pianta è abbastanza sana e le zone infettate limitate, attendo consigli sui farmaci. Ed eventualmente diagnosi, se ho sbagliato.
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da scarboc il Lun Ago 24, 2015 6:54 pm

Male non hai fatto di sicuro; Goju non è spesso presente sul forum ma ogni tanto ci capita, segnalagli il tuo post con un mp e speriamo che ne sappia qualcosa.
In bocca al lupo.

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Lun Ago 24, 2015 7:14 pm

Grazie scarboc Smile
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da frantore il Lun Ago 24, 2015 8:48 pm

Alterna prodotti non sistemici, come un rameico, anche perchè i cancri possono essere batterici e il difenoconazolo è contro i funghi.
avatar
frantore

Messaggi : 790
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Sardegna Centro-orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Dav86 il Lun Ago 24, 2015 9:01 pm

non ha senso dare prodotti così prima di aver isolato il problema comunque.
non è un fungo fogliare quindi non ha senso un generico fungicida, se c'è una batteriosi o un cancro bisogna capirlo e informarsi su come si curano anche se credo che la cura sia la potatura netta con attrezzo passato con fiamma o altri disinfettanti.

ispeziona il legno sotto, hai fatto bene, perchè se è un problema corticale è diverso ovviamente rispetto ad un problema del legno interno.

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2199
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mar Ago 25, 2015 9:16 am

La parte dove essudava è saltata via appena ho fatto un po' di forza con un cutter, è venuta via tutta la corteccia morta lasciando esposto il legno, ma il ramo su cui si trova la lesione non mostra segni di patimento e comunque si trova proprio di fianco al punto di inserzione, dovrei grattare anche un po' di tronco in caso di rimozione. "Corpi fruttiferi" fungini nella zona colpita non ne ho trovati, su internet per il carpino ho trovato solo notizie di infezioni fungine.... ma visto che li usano anche per la rogna dell'olivo i rameici dovrebbero fare effetto anche sui batteri?
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Forcellone il Mar Ago 25, 2015 9:45 am

Dav86 ha scritto:non ha senso dare prodotti così prima di aver isolato il problema comunque.
Mi trovo.

Dav86 ha scritto: se c'è una batteriosi o un cancro bisogna capirlo e informarsi su come si curano
Curarlo? Non ha mai letto che qualcuno ci sia riuscito, ma ci si prova e comunque non è detto.
Se cercate in rete sono molte le cause che possono portare alla morte di un albero senza possibilità di cure, se non la bruciatura completa, è già un successo se è possibile eliminare solo la parte colpita.

Dav86 ha scritto:anche se credo che la cura sia la potatura netta con attrezzo passato con fiamma o altri disinfettanti.
Mi trovo.

E' molto difficile capire se è un problema serio o rientra nella norma del corso di vita della pianta, "alti e bassi".
Ho un olivastro con una cosa molto simile su un ramo, ma so che ho forzato molto per piegare il ramo tempo fa, per cui mi aspettavo una reazione simile e per forza di cose dovrò dare un senso estetico positivo all'accaduto. Very Happy
avatar
Forcellone

Messaggi : 1858
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mar Ago 25, 2015 9:51 am

Per l'ispezione/pulizia dovrò comunque attendere l'autunno, e nel punto necrotico ispezionato ho trovato tracce di callo cicatriziale... l'altra zona non essuda e sembra, se non guarita, almeno stabile.
Ci tengo a questo carpino, moltissimo, quindi le proverò tutte. *Vabbè, su una pianta non so se si possa parlare di "accanimento terapeutico" xd*
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Forcellone il Mar Ago 25, 2015 9:52 am

Ti posto un elenco che ho per le mani, è una carta che ho trovato in rete tempo fa. Ne ho altri ma non è il caso intasare il forum e li dovrei cercare. Very Happy

trovate: -1
Malattia: Alternariosi fogliare
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie, presentano lacerazioni tipo macchia d'olio. I rami appaiono decolorati all'altezza dei nodi e spesso ma non sempre, possono seccare nella parte apicale. Sulle parti malate, c'è tendenza alla formazione di escrescenze simili a pustole.
Rimedio:
Tagliare i rami colpiti ed effettuare trattamenti con insetticidi ed olio bianco.

Malattia: Antracnosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si evidenziano macchie rosse simili a granelli. I rami sottili, tendono a seccare e si notano lesioni sulle vene linfatiche. Con il tempo le lesioni sui rami si trasformano in cancri e le foglie tendono a diventare arricciate.
Rimedio:
Irrorare le foglie con prodotti a base di rame o con soluzione di rame.

Malattia: Arrossamento degli aghi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Gli aghi dei rami più bassi ingialliscono durante l'inverno e si macchiano di punti neri in primavera, alla fine divengono rossastri e cadono. Questa patologia non è da confondersi con l'arrossamento degli apici degli aghi che è sintomo di squilibrio tra l'alimentazione della pianta e traspirazione.
Rimedio:
Togliere le parti danneggiate ed evitare gli eccessi di umidità del terriccio; usare in primavera insetticidi e da luglio a settembre, quelli di sintesi.

Malattia: Batteriosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie presentano aree traslucide che poi anneriscono provocando la morte anche dei germogli. I bottoni fioriali marciscono.
Rimedio:
Tagliare i rami ammalati e spruzzare fungicidi rameici.

Malattia: Bolla
Categoria: Malanni
Sintomi:
Rigonfiamenti bianchi sulle foglie che poi seccano.
Rimedio:
Distruggere le foglie morte e trattare con soluzioni a base di rame in primavera e autunno.

Malattia: Brusca parassitaria
Categoria: Malanni
Sintomi:
Determina il disseccamento parziale delle foglie. Nei casi gravi influisce sul vigore della pianta.
Rimedio:
Poltiglia bordolese.

Malattia: Caduta dei bottoni fiorali
Categoria: Malanni
Sintomi:
I bottoni non si sviluppano e cadono provocando imbrunimento al margine dei fiori.
Rimedio:
Non innaffiare molto, evitare sbalzi di temperature e il sole diretto.

Malattia: Cancro
Categoria: Malanni
Sintomi:
Lesioni delle cicatrici e delle screpolature tra le ramificazioni che rigonfiano e si screpolano, i rami muoiono. Comparsa di punti rossi sul legno.
Rimedio:
Tagliare i rami malati. Raschiare i cancri e ricoprire di mastice le lesioni. Nebulizzare fungicidi a base di rame quando cadono le foglie.

Malattia: Cancro del faggio
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulla corteccia dei nuovi germigli si forma un anello nero e le foglie muoiono.
Rimedio:
Tagliare i rami ammalati.

Malattia: Cancro del larice
Categoria: Malanni
Sintomi:
Lesioni sui rami che ne provocano il disseccamento
Rimedio:
Non si conoscono trattamenti.

Malattia: Cancro nero
Categoria: Malanni
Sintomi:
Macchie nere sulle nervature delle foglie e lesioni sui rami. Le foglie si arrotolano e cadono.
Rimedio:
Eliminare le parti malate e trattare con fungicidi a base di rame in primavera e poi alla caduta delle foglie.

Malattia: Cercosporiosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Macchie brune sui germigli delle piante che in seguito deperiscono.
Rimedio:
Fungicidi a base di rame o zineb.

Malattia: Clorosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
I bordi delle lamine delle foglie vecchie ingialliscono, quelle nuove cadono.
Rimedio:
Fertilizzare con azoto, ferro, magnesio e zinco. Evitare eccessive innaffiature e correnti d'aria.

Malattia: Corineo
Categoria: Malanni
Sintomi:
Questa malattia colpisce le foglie, i rami e i frutti; le foglie presentano macchie di colore rosso-violaceo circolari che si allargano. Dopo qualche tempo i tessuti malati si staccano e le foglie restano bucate. I rami hanno lesioni fino a "cancri aperti"; i frutti hanno piccole areole arrossate che poi si ricoprono di cuscinetti neri che sono le fruttificazioni del parassita. Lo sviluppo di questo fungo è influenzato dalla condizioni termiche e di umidità .
Rimedio:
Si combatte con trattamenti a fine autunno di Captafol e Baycor.

Malattia: Corineum cardinale
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie diventano rossastre e vi si formano pustole nere da cui essuda la resina.
Rimedio:
Eliminare i rametti colpiti, aggiungere potassio al terriccio e trattare con fungicidi sistemici.

Malattia: Croste nere
Categoria: Malanni
Sintomi:
La foglia si presenta con incrostazioni molto visibili.
Rimedio:
Togliere le foglie malate e irrorare con fungicidi a base di rame.

Malattia: Disseccamento dei fiori
Categoria: Malanni
Sintomi:
Compaiono macchie brune sui petali che provocano la casola fiorale.
Rimedio:
Eliminare tutti i fiori malati e rinnovare il terriccio superficiale

Malattia: Disseccamento dei germogli
Categoria: Malanni
Sintomi:
Gli aghi alla base dei germogli ingialliscono e cadono, i rami disseccano.
Rimedio:
Irrorare con fungicidi a base di zolfo, maneb, zhiram.

Malattia: Disseccamento dei ramuli
Categoria: Malanni
Sintomi:
I ramuli fogliari disseccano e perdono le foglie.
Rimedio:
Tagliare i ramuli ammalati e spruzzare fungicidi rameici.

Malattia: Disseccamento parassitario dei rami
Categoria: Malanni
Sintomi:
I germogli ed i rami giovani disseccano e su di essi si formano cancri.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati.

Malattia: Elmintosporiosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
I rami hanno lesioni gialle che poi diventano brune, alla fine si propagano su tutto l'arbusto.
Rimedio:
Trattamento preventivo di Captano e disinfestare la terra al momento del rinvaso

Malattia: Entomosporiosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Macchie rosse, poi brune, sulle foglie che poi seccano e cadono.
Rimedio:
Eliminare le foglie malate e trattare con fungicidi a base di zineb.

Malattia: Fillostictosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si formano zone disseccate su cui compaiono pustole nere, poi cadono.
Rimedio:
Togliere le foglie malate e irrorare con fungicidi a base di rame.

Malattia: Fumaggine
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie presentano incrostazioni nere che sono presenti anche sul fusto. Depositi polverulenti.
Rimedio:
Pulire le foglie con acqua e alcool, distruggere gli insetti con insetticidi specifici e impiegare poltiglia bordolese.

Malattia: Fusariosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie imbruniscono a partire dalla parte centrale e poi seccano e cadono.
Rimedio:
Evitare eccessive innaffiature.

Malattia: Galle al colletto
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si formano escrescenze a forma di cavolfiore al colletto e sulla parte superiore delle radici. Sono bianche, molli, poi brune, lignificate e screpolate. Soprevviene poi marciume.
Rimedio:
Tagliare i tumori, raschiare le ferite e applicare soluzioni alcoliche. Irrorare il terriccio con fungicidi mercuriorganici.

Malattia: Grafiosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si ha un ingiallimento delle foglie, con nervature brune e rami avvizziti. In seguito le foglie cadono, i rami si incurvano e le gemme seccano.
Rimedio:
Usare fungicidi sitemici.

Malattia: Imbrunimento degli aghi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Gli aghi disseccano e si evidenziano puntini neri sulla pagina inferiore della foglia.
Rimedio:
Impiego di fungicidi.

Malattia: Maculatura fogliare
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si formano sulle foglie macchie di forma triangolare che sono inizialmente bianche e poi imbruniscono; talvolta sono grigie con alone nero. Alcune aree delle foglie disseccano e al centro si formano piccole granulazioni.
Rimedio:
Eliminare le foglie ammalate. Impiegare fungicidi a base di rame evitando che le foglie restino umide per troppo tempo.

Malattia: Mal bianco (Oidio)
Categoria: Malanni
Sintomi:
L'oidio si presenta sotto forma di macchie biancastre sulla pagina inferiore della foglia e in seguito, la parte colpita ingiallisce e necrotizza. Se la malattia colpisce le foglie giovani, queste non crescono più in modo regolare, si atrofizzano i rami e i germogli. I rametti possono avere una produzione abnorme di nuovi getti molto fitti.
Rimedio:
Trattamento con prodotti specifici (Imusan) in primavera e autunno.

Malattia: Mal secco
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si sviluppa su un ramo apicale; le foglie sbiadiscono e cadono ed anche il ramo perde il suo colore naturale. In seguito l'alterazione scende verso il basso fino a raggiungere le radici.
Rimedio:
Somministrare Cupravit o Lonacol Ramato.

Malattia: Malattia dei punti neri
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si formano pustole nere cerchiate di verde che in seguito disseccano.
Rimedio:
Eliminare le foglie ammalate e trattare con insetticidi rameici.

Malattia: Malattia del corallo
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si formano cancri sui rami che in seguito disseccano e muoiono. Si nota comparsa di granuli rossi sulle parti ammalate.
Rimedio:
Eliminare i rami e non effettuare alcun trattamento chimico.

Malattia: Malattia delle macchie concentriche
Categoria: Malanni
Sintomi:
In primavera compaiono macchie rotonde parallelamente alle nervature bordate di rosso. Pustole nere sulle macchie e lembi disseccati.
Rimedio:
Eliminare le foglie ammalate e trattare con fungicidi minerali.

Malattia: Malattia delle strisce rosse
Categoria: Malanni
Sintomi:
Negli aghi si notano, durante l'autunno, macchie gialle. In primavera sulle lesioni compaiono striature rosse incrostate.
Rimedio:
Durante la stagione vegetativa spruzzare fungicidi a base di rame.

Malattia: Marciume molle
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si formano macchie bruno rossastre sulle quali si impiantano pustole nere.
Rimedio:
Eliminare le parti ammalate e usare fungicidi rameici.

Malattia: Monilia del cotogno
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si notano macchie decolorate sulle foglie e al centro si forma una crosta nera ad alone giallo
Rimedio:
Fertilizzare con azoto e impiegare a scopo preventivo fungicidi minerali a base di rame. Quando le gemme si apriranno, ripetere il trattamento.

Malattia: Moria delle piante
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le radici, il colletto e il fusto marciscono.
Rimedio:
Evitare eccessive innaffiature e regolare temperatura e umidità . Effettuare fertilizzazioni con azoto e potassio.

Malattia: Muffa grigia
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si formano tacche grigio- brunastre con marciume grigiastro al margine che si propaga su tutta la superficie. Cadono le foglie e i rami si necrotizzano.
Rimedio:
Evitare eccessive innaffiature e sbalzi termici. Eliminare le parti ammalate e impiegare fungicidi di sintesi.

Malattia: Necrosi batterica
Categoria: Malanni
Sintomi:
I fiori e i germogli disseccano e anneriscono come se fossero scottati, poi si accartocciano e cadono. Questo fenomeno si verifica in primavera e in estate.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati, evitare concimi azotati e terreni con eccessiva umidità . Usare prima della fioritura fungicidi rameici ripetendo il trattamento durante il periodo vegetativo.

Malattia: Occhio di pavone
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie ammalate hanno sulla pagina inferiore macchie piccole e fulliginose che via via si allargano. In estate le macchie presentano un alone giallo, da cui il nome occhi delle penne del pavone. Questa patologia colpisce l'olivo in primavera e autunno
Rimedio:
Usare poltiglia bordolese o Lonacol blu in primavera e autunno.

Malattia: Perdita delle foglie
Categoria: Malanni
Sintomi:
Partendo dalla base dei rami, le foglie ingialliscono e cadono.
Rimedio:
Evitare eccessive innaffiature e posizionare il vaso alla luce.

Malattia: Peronospora
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie si macchiano di giallo e sulla pagina inferiore si forma muffa bianca. In seguito cadono le foglie.
Rimedio:
Eliminare le foglie ammalate e usare fungicidi rameici. Evitare molta umidità nella terra.

Malattia: Riscaldo
Categoria: Malanni
Sintomi:
La lamina fogliare si decolora e cade. Le foglie sono raggrinzite e bucate.
Rimedio:
Non nebulizzare le foglie con acqua in pieno sole, evitare il pieno sole sulle foglie, il freddo, le gelate ed eccessi di prodotti chimici. Somministrare i fertilizzanti lontano dal tronco del Bonsai, senza toccare le foglie.

Malattia: Ruggine
Categoria: Malanni
Sintomi:
Compaiono lunghe tacche gialle sulla corteccia dei giovani germogli e si formano vesciche che rompendosi diffondono una polvere color ruggine. Dalle ferite esce resina e i rami si accrescono a forma di S. Quando si localizza sulle foglie, appaiono numerose tacche gialle o brune, poi si seccano. Quando compare sugli aghi delle conifere abbiamo tacche rossastre.
Rimedio:
Eliminare le parti malate e pulire le ferite; impiegare fungicidi specifici contro la ruggine in due interventi distanziati di 15 giorni.

Malattia: Scopazzi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Si ha uno sviluppo abnorme delle gemme e le ramificazioni assumono un aspetto cespuglioso.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati.

Malattia: Septoriosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Gli aghi seccano, i rametti si deformano e compaiono punti neri sulle parti secche.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati e impiegare fungicidi a base di rame o zineb.

Malattia: Ticchiolatura del salice
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulla pagina inferiore delle foglie abbiamo tacche nere, inizialmente sulle nervature poi diffuse. I rami si seccano e poi si contorcono.
Rimedio:
Eliminare le parti ammalate. Impiegare, in primavera una miscela di rame o zineb.

Malattia: Vertigillosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Le foglie più basse dell'albero avvizziscono e i lembi fogliari ingialliscono e si accartocciano. Il Bonsai perde vigore perché️ la linfa raggiunge con difficoltà la parte aerea.
Rimedio:
Evitare molto azoto. Eliminare le foglie morte, disinfettare il terreno e trattare con fungicidi il tronco e il colletto del Bonsai.

Malattia: Virosi
Categoria: Malanni
Sintomi:
Sulle foglie si notano macchie informi, i lembi vengono perforati e deformati.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati.

Malattia: Virus del Mosaico
Categoria: Malanni
Sintomi:
I lembi fogliari si presentano striati di giallo, le nervature hanno conformazione e mosaico, foglie vecchie ingialliscono e cadono.
Rimedio:
Non si conosce trattamento.

Malattia: Acari (o ragnetti gialli)
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si trovano sulla pagina inferiore delle foglie dove provocano piccole punture. La foglia ingiallisce e può diventare grigio-argentata.
Rimedio:
Nebulizzare bene le foglie, più accuratamente sulla pagina inferiore. Impiegare prodotti ad azione insetticidi o acaricidi specifici.

Malattia: Afide lanigero
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Vive sulle parti legnose della pianta e con piccole punture provoca la formazione di galle. Può determinare l'insorgere di malattie fungine e rallentare la crescita dell'albero.
Rimedio:
Eliminare le galle, disinfettare con una soluzione rameica. In inverno trattare con olii antracenici e alla ripresa vegetativa impiegare olii gialli, all'apertura delle gemme usare prodotti a base di parathion. In più alla ripresa vegetativa spruzzare insetticidi fosorganici.

Malattia: Afide verde, nero, galligeno
Categoria: Parassiti
Sintomi:
In aprile si notano larve sull'estremità dei germogli. Gli afidi succhiano la linfa dai nuovi germogli. Gli aghi delle conifere raggrinziscono, si deformano, si formano maculature argentee, seccano e cadono. Si forma la melata che provoca fumaggine, necrosi e ingiallimento del lembo fogliare. Rallenta la crescita dell'albero.
Rimedio:
Cercare di staccare gli afidi innaffiando le foglie. Impiegare insetticidi di origine vegetale, insetticidi clororganici e fosforganici. Per eliminare le uova dell'afide verde usare olii gialli ala fine dell'inverno come trattamento preventivo. Nella stagione vegetativa effettuare 2 trattamenti, distanti 10 giorni, di insetticidi.

Malattia: Aleurodidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Melata su cui compare le fumaggine; presenza di insetti sulle foglie.
Rimedio:
Impiegare insetticidi fosforici e acaricidi.

Malattia: Aspidioto
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si insedia sulla pagina inferiore delle foglie, ricoprendola spesso con incrostazioni, talora anche sui rami, sul fusto e sulle radici superficiali. Ne consegue che le foglie ingialliscono, seccano e infine cadono.
Rimedio:
Trattare con adeguati prodotti chimici, ripetendo l'operazione dopo 15 giorni.

Malattia: Bruchi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le larve di insetti rosicchiano le foglie.
Rimedio:
Usare insetticidi a base di parathion.

Malattia: Buprestidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si nota la presenza di gallerie nel legno rosicchiato.
Rimedio:
Impiegare insetticidi a base di lindano o parthion in marzo aprile.

Malattia: Callidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si formano gallerie piatte alla base del tronco con probabile presenza di coleotteri neri.
Rimedio:
Eliminare i rami attaccati e trattare con insetticidi allo sfarfallamento degli adulti.

Malattia: Cecidonia
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si notano larve all'interno dei tessuti fogliari che provocano rigonfiamenti ampollosi. La pianta si defoglia e, se i parassiti persistono, muore.
Rimedio:
Si può effettuare una potatura oppure impiegare Bladan M20 o Folithion in estate.

Malattia: Cerambicidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Nella corteccia si notano fori di ingresso di gallerie scavate dalle larve. I rami seccano e si nota la presenza di coleotteri di colore bruno.
Rimedio:
Eliminare i rami colpiti. Distruggere gli insetti introducendo un filo di ferro nelle gallerie.

Malattia: Cherme
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Formazione di galle sferiche o strobiliformi all'estremità dei nuovi rami.
Rimedio:
Usare insetticidi minerali a fine inverno; all'inizio della primavera impiegare insetticidi clororganici o fosforganici.

Malattia: Chermococchi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Infesta i rami di querce e lecci con un progressivo deperimento dei rami che seccano. Le femmine depongono le uova a maggio, le neanidi sgusciano a giugno e si posizionano sui rami se sono femmine, altrimenti sulla pagina inferiore delle foglie.
Rimedio:
Impiegare Oliocin a luglio, quando le neanidi sono giovani.

Malattia: Cicadelle
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si notano tacche bianche sulle foglie causate dalle punture, il lembo fogliare si decolora, si rallenta l'accrescimento del fusto e le foglie cadono. Presenza di insetti sulla pagina inferiore delle foglie.
Rimedio:
Eliminare i rami colpiti e usare insetticidi di contatto o fosforganici sistemici.

Malattia: Cinipi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Galle verde-rossastre sui tessuti dell'albero in cui vivono le larve. Galle tondeggianti a forma di carciofo sui rametti.
Rimedio:
Tagliare i rami infestati.

Malattia: Cocciniglia
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sulle foglie, rami e tronco si evidenziano incrostazioni sotto le quali sono visibili a occhio nudo le cocciniglie. Si nota pure la presenza di melata che brucia le foglie; la fumaggine colonizza le parti ricoperte dall'essudato delle cocciniglie. Il tronco si deforma, i rami seccano e le foglie ingialliscono e poi cadono. La sintesi clorofilliana si riduce e l'albero muore.
Rimedio:
Pulire le foglie con acqua e alcool, eliminare i rami infestati. A fine inverno- inizio primavera impiegare olii di petrolio e insetticidi fosforganici per eliminare le cocciniglie. A fine primavera-inizio estate impiegare insetticidi fosforganici per eliminare le larve mobili. Isolare il Bonsai colpito.

Malattia: Cocciniglia di S. Josè
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Questo insetto colpisce gli alberi da frutto. Sollevando la corteccia di un ramo infestato si vede una colorazione rossastra. Spesso le piante deperiscono e muoiono. E' un fitofago molto prolifico e perciò a rapida diffusione.
Rimedio:
Impiegare ripetutamente Folithion o Oliocin.

Malattia: Cocciniglia farinosa
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si nota melata su cui si sviluppa la fumaggine. Si riduce la sintesi clorofilliana, compaiono scudetti bianchi, farinosi e mobili. Le foglie ingialliscono e cadono.
Rimedio:
Impiegare insetticidi fosforganici.

Malattia: Collemboli
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Piccoli, biancastri o grigiastri, privi di ali, si muovono spiccando grandi balzi. Sui vasi si nutrono di detriti vegetali e foglie morte. Nei semenzai rosicchiano alla base le giovani pianticelle.
Rimedio:
Usare insetticidi.

Malattia: Cossidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono lepidotteri notturni che scavano gallerie sotto la corteccia dei tronchi e dei rametti. Presenza di larve rosse o gialle.
Rimedio:
Eliminare le parti ammalate e introdurre un filo di ferro nelle gallerie per eliminare gli insetti. Dopo ostruire l'ingresso delle gallerie con mastice.

Malattia: Crisomelidi e Galerucini
Categoria: Parassiti
Sintomi:
I rami si deformano, gli aghi vengono rosicchiati e ne consegue una crescita rallentata. Si nota la presenza di coleotteri gialli.
Rimedio:
Trattare con insetticidi.

Malattia: Curculionidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie appaiono rosicchiate, la corteccia dei germogli dissecca all'apice. La pianta deperisce e secca, la crescita si arresta.
Rimedio:
Impiegare da maggio a luglio insetticidi a base di lindano.

Malattia: Curculionidi delle conifere
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si nota la presenza di nidi tra le radici, la corteccia del colletto e delle grosse branche appare rosicchiata; proliferazione di tessuti, emissione di resina dalle lesioni. Gallerie scavate nel legno, aghi consumati.
Rimedio:
Eliminare le parti ammalate e impiegare emulsioni oleose sulle larve, usare insetticidi tra marzo e aprile.

Malattia: Dermatteri
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono lunghi fino a 2cm, di colore bruno scuro, con due appendici a pinza posizionate all'estremità dell'addome. I giovani, privi di ali, di giorno si posizionano al riparo sotto i vasi, le pietre, tra le foglie.
Rimedio:
Rimuoverli manualmente.

Malattia: Diprionidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si notano bozzoli bruni sul tronco, sui rami, sugli aghi o nella terra. Rosicchiano gli aghi.
Rimedio:
Impiegare insetticidi fosforganici ed eliminare i rami invasi da questo parassita.

Malattia: Erinosi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si evidenziano granulosità rosse e verdi sulla pagina superiore delle foglie; mentre sulla pagina inferiore si nota feltro marrone, grigio o bruno. Una fitta lanuggine ricopre le foglie che si deformano, compaiono le galle.
Rimedio:
Impiegare formulati a base di parathion, lindano o zolfo.

Malattia: Eriofide rugginoso
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Piccolo acaro che altera le foglie (colore bruno-ruggine, piegatura a doccia del lembo fogliare, caduta dei rametti) e la frutta (rugginosità e fessurazione).
Rimedio:
Silicato di sodio al 3-4% o Sulfar al 2%.

Malattia: Galerucella
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie sono perforate e resistono solo le nervature, l'albero può diventare rossiccio.
Rimedio:
Impiegare insetticidi di contatto.

Malattia: Galle delle gemme
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le gemme imbruniscono, diventano globose e muoiono.
Rimedio:
Usare insetticidi.

Malattia: Galle di rosetta
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglioline all'estremità dei germogli hanno l'aspetto di rosette e danno rifugio a minuscole larve.
Rimedio:
Eliminare i rami ammalati e impiegare insetticidi a base di parathion.

Malattia: Geometridi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie sono rosicchiate e le gemme perforate. Le larve sono appese a fili sericei e si lasciano cadere sul terriccio.
Rimedio:
Impiegare prodotti oleosi a fine inverno. In primavera usare prodotti di sintesi a base di lindano o parathion.

Malattia: Iponomeutidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie vengono avvolte da tele e numerosi fili sericei uniscono tra loro le foglie che in seguito cadono. Sulla pianta si osservano i bozzoli dei lepidotteri e, sulla pagina inferiore delle foglie, le larve.
Rimedio:
Tagliare i rami infestati. Prima della ripresa vegetativa impiegare olii gialli e a metà primavera, insetticidi fosforganici di contatto.

Malattia: Larve rosse
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Gli aghi si presentano rosicchiati, si nota la presenza di nidi sericei sui rametti.
Rimedio:
Impiegare insetticidi contro le larve in primavera e contro gli adulti in estate.

Malattia: Lucanidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Il tronco è rosicchiato da grosse larve bianche ed è possibile la presenza di coleotteri di colore brunastro.
Rimedio:
Non si conosce trattamento idoneo.

Malattia: Lumache
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Il fogliame è reciso, i lembi rosicchiati. Le superficie fogliare viene ridotta.
Rimedio:
Togliere le lumache, evitare eccessiva umidità nel vaso ed eventualmente usare molluschicidi.

Malattia: Maggiolino
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le radici rosicchiate danno rifugio ai maggiolini. Le foglie appaiono frastagliate per l'azione edule degli insetti.
Rimedio:
Irrorare insetticidi sulla terra in autunno per eliminare le larve. In primavera colpire gli adulti con insetticidi specifici.

Malattia: Maggiolino dei pini
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Gli aghi e i rami sono deformati e rosicchiati, ne consegue un'attività vegetativa rallentata. Sono presenti grossi coleotteri brunastri.
Rimedio:
Utilizzare insetticidi.

Malattia: Microlepidotteri minatori
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie sono minate da gallerie e il lembo viene perforato. I fori che si formano sono cerchiati da punti neri e le sintesi clorofilliana viene ridotta.
Rimedio:
Impiegare insetticidi fosforganici.

Malattia: Nematodi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Pungono le radici rallentando la crescita della pianta. Provocano la formazione di galle entro le quali si rifugiano provocando la deformazione delle radici. Si ha ingiallimento fogliare a partire dalla base andando verso la cima. Si possono inoltre sviluppare malattie fungine.
Rimedio:
Eliminare le foglie ingiallite e incorporate nematocidi nella terra. Impiegare preparati a base di parathion ed evitare di bagnare eccessivamente il terriccio.

Malattia: Orchestre
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Fori circolari che vanno ingrandendosi sulle foglie
Rimedio:
Impiegare insetticidi.

Malattia: Pieridi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Foglie rosicchiate, epidermide distrutta, riduzione della superficie fogliare. Presenza di larve verdi e arancione.
Rimedio:
Distruggere le uova, schiacciandole sulle foglie. Usare insetticidi fosforganici.

Malattia: Piralidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono dei bruchi. Si notano cavità sul tronco in cui vi è la resina che si agglutina sulla corteccia.
Rimedio:
Asportare la resina e impiegare insetticidi a base di lindano.

Malattia: Processionaria del pino
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono dei bruchi. Si hanno nidi sericei tra gli aghi, rami deformati e aghi rosicchiati.
Rimedio:
Distruggere i nidi eliminando i rametti infestati. Iniettare petrolio nei nidi sericei. Impiegare in settembre prodotti larvicidi.

Malattia: Psilla
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Insetto che attacca le foglie dei germogli pungendole e causando la deformazione del lembo a "cucchiaio"; provoca il rallentamento dello sviluppo vegetativo.
Rimedio:
Tenere la pianta all'aria e alla luce evitando l'umidità . Impiegare Bladan M20 in aprile.

Malattia: Psocotteri
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono biancastri o grigio-bruni, dotati di ali trasparenti. Si muovono rapidamente sulla pianta alla ricerca di cibo. Non sono dannosi, costruiscono rifugi di foglie cucite insieme con fili saricei. Sono attratti dalla presenza di funghi o altri insetti, succhiatori di linfa e produttori di melata.
Rimedio:
Impiegare insetticidi liquidi per ingestione.

Malattia: Ragnetti rossi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si tratta di un acaro di dimensioni minuscole ma sempre visibile a occhio nudo. Attacca maggiormente se la stagione estiva o primaverile è asciutta. L'infestazione è particolarmente estesa negli ambienti domestici caratterizzati da atmosfera molto asciutta. Tenere quindi in un ambiente fresco. Nelle conifere gli aghi scolorano passando dal giallo al rossiccio, infine seccano e cadono. Tele sottili si attaccano ai rami ostacolando la sintesi clorofilliana. Le uova sono deposte alla base degli aghi e nelle fessure della corteccia. Nelle latifoglie le uova provocano macchie rosse sulla corteccia, in primavera si notano punture sui lembi fogliari. Gli acari si notano sulla pagina inferiore delle foglie che diventano brune e cadono. I ragnetti succhiano la linfa dell'albero che deperisce e muore.
Rimedio:
Nebulizzare le conifere quando l'aria e secca. Eliminare i rami colpiti. Prima della ripresa vegetativa trattare con olii gialli per distruggere le uova. In primavera impiegare acaricidi ad azione sistemica, in estate acaricidi specifici. Usare: Plictran (acaricida che agisce per contatto), Oliocin (olio minerale da irrorare con acqua), Aramin.

Malattia: Scolitidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Coleotteri cilindrici, neri o bruni. Abitano nel legno o sotto la corteccia degli alberi dove scavano gallerie longitudinali tra corteccia e alburno. La corteccia è perforata dagli adulti all'atto dello sfarfallamento e può addirittura staccarsi. Si altera la circolazione della linfa e alcuni rami disseccano.
Rimedio:
Eliminare i rami infestati, aggiungere al terriccio sodio e potassio; impiegare, in aprile, insetticidi a base di parathion e lindano per distruggere i parassiti che si trovano sulla corteccia. Per distruggere le larve impiegare in inverno formulati a base di oleoparathion.

Malattia: Sesie
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono dei bruchi che erodono la corteccia del tronco e dei rami. Presenza di larve.
Rimedio:
Introdurre un filo di ferro nelle gallerie per distruggere le larve.

Malattia: Sigaraio delle piante ornamentali
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Le foglie e i germogli rosicchiati. Presenza di uova tra le nervature. Il lembo fogliare è arrotolato a forma di sigaro.
Rimedio:
Eliminare le foglie ammalate e impiegare insetticidi fosforganici o clororganici.

Malattia: Singidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono dei bruchi che rosicchiano gli aghi; i lembi fogliare sono perforati dalle larve, attive durante la notte. La temperatura alta ne favorisce lo sviluppo.
Rimedio:
Impiegare esche di crusca, rotture di riso o semi mescolati ad insetticidi.

Malattia: Siricidi
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono presenti gallerie cilindriche nel tronco e nelle branche principali.
Rimedio:
Impiegare insetticidi quando gli adulti sfarfallano.

Malattia: Sternorrinch
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Insetti dotati di stiletti boccali molto lunghi, in grado di penetrare nei tessuti, iniettando liquidi salivari tossici, provocando deformazioni di foglie e germogli; si notano galle. Tolgono alla pianta molta linfa ed emettono abbondanti liquidi zuccherini su cui si sviluppano i funghi responsabili delle fumaggini, con alterazione della fotosintesi e della traspirazione delle foglie. Sono anche responsabili della trasmissione di virus ai vegetali.
Rimedio:
Resistenti agli insetticidi, si combattono con olii gialli, olii leggeri attivati. Si può impiegare un insetticida come il parathion e l'azinphos-metile.

Malattia: Tarsonema
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Acaro che provoca arrotolamento e deformazione dei lembi fogliari. Arresta la crescita delle foglie. Si nota la presenza di acari fra le nervature.
Rimedio:
Impiegare insetticidi specifici o ad azione combinata insetticida-acaricida.

Malattia: Tentredini
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Sono bruchi verdi che rosicchiano gli aghi e i nuovi germogli vengono deformati.
Rimedio:
Impiegare insetticidi quando i germogli si allungano.

Malattia: Tignole
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Si notano fori brunastri sulle foglie, la presenza di larve e fili sericei avvolgono i lembi fogliari
Rimedio:
Impiegare insetticidi.

Malattia: Tingide del rododendro
Categoria: Parassiti
Sintomi:
La parte inferiore del lembo risulta macchiata di punti neri, la parte superiore ingiallita e marezzata. Cadono le foglie.
Rimedio:
Impiegare soluzioni a base di parathion o oleoparathion sulla pagina inferiore delle foglie.

Malattia: Tisanotteri
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Chiamati anche Tripidi, sono di colore bruno o nero con apparato boccale pungente-succhiante. I giovani sono biancastri o a strisce rosse. Vivono sulle gemme, sui germogli, nei fiori, sui frutti, pungendoli e causando necrosi e depigmantazioni delle foglie, deformazioni dei germogli e dei frutti, aborto dei fiori. Sono di difficile individuazione, si nascondono fra i petali dei fiori, le foglie accartocciate dei germogli, le screpolature della corteccia.
Rimedio:
Usare insetticida per contatto o sistemico, bagnando le parti infestate, asportando gli organi colpiti prima dell'abbandono da parte di insetti.

Malattia: Tisanuri
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Di colore grigio-argenteo, privi di ali, appiattiti. Si trovano sollevando i vasi sotto i quali si riparano. Amano l'umidità , si nutrono di datriti, muffe, cellulosa e sostanze zuccherine.
Rimedio:
Nessun trattamento perché️ sono innocui.

Malattia: Vermi e formiche
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Vermi e formiche se in modeste quantità non sono dannose, anzi possono essere benefiche in quanto provvedono ad aerare il terreno e a concimarlo con le loro feci; tuttavia se sono in quantità elevate possono provocare l'asfissia della pianta e cominciare a nutrirsi delle radici.
Rimedio:
Di solito è sufficiente annegarli: basta lasciare il vaso completamente immerso nell'acqua (terra superficiale compresa) per una notte intera, alla mattina rimuovere i vermi o le formiche che sono in superficie. Altrimenti svasare la pianta rimuovendoli manualmente.

Malattia: Tisanuri
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Di colore grigio-argenteo, privi di ali, appiattiti. Si trovano sollevando i vasi
Rimedio:
Non dovrebbero nuocere. Nel caso in cui le condizioni lo richiedano, rimuoverli manualmente.

Malattia: Ziorinco
Categoria: Parassiti
Sintomi:
Ha ali trasparenti e attacca spesso i rododendri; quando si notano macchie gialle sulle foglie controllare la parte inferiore.
Rimedio:
Usare Durbosan a granuli.

Fine e Ciao. Embarassed
avatar
Forcellone

Messaggi : 1858
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mar Ago 25, 2015 10:12 am

Grazie dell'elenco Forcellone XD Ora mi procuro un rameico che da quel che leggo male non fa e starò attento al decorso della situazione.
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Dav86 il Mar Ago 25, 2015 11:47 am

MirkoB ha scritto:La parte dove essudava è saltata via appena ho fatto un po' di forza con un cutter, è venuta via tutta la corteccia morta lasciando esposto il legno, ma il ramo su cui si trova la lesione non mostra segni di patimento e comunque si trova proprio di fianco al punto di inserzione, dovrei grattare anche un po' di tronco in caso di rimozione. "Corpi fruttiferi" fungini nella zona colpita non ne ho trovati, su internet per il carpino ho trovato solo notizie di infezioni fungine.... ma visto che li usano anche per la rogna dell'olivo i rameici dovrebbero fare effetto anche sui batteri?

dovrebbero si però bisogna capire di cosa si tratta prima.......in rete ho trovato "moria del carpino" e "cancro corticale del carpino" però mi sembrano ben più gravi i sintomi rispetto al tuo Smile

se riesci a eliminare la zona "marcia" con una lama e a medicare con il mastice tipo operazione chirurgica, se sotto arrivi fino al legno sano, secondo me risolvi il problema, se è solo circoscritto in quel ramo eh, certo che se varie zone della pianta sono così allora bisogna indagare a fondo.

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2199
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mar Ago 25, 2015 12:26 pm

Per ora sembra circoscritta a due sole zone.
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Forcellone il Mar Ago 25, 2015 9:25 pm

E' anche giusto come dice Dav86.

Tutto serve per fare esperienza e non si finisce mai, mettilo in conto.

Queste sono malattie molto rare per fortuna e quando si presentano anche gli esperti hanno difficolta ad individuarle e soprattutto curarle.

La prima cosa da fare è isolare la pianta dalle altre sane. (Non si sa mai).
Se rimuovi qualcosa dalla pianta brucia e disinfetta molto bene gli attrezzi.

Per non escludere nulla, ma tu hai filato la pianta o stuzzicato in qualche modo nei punti in questione?
avatar
Forcellone

Messaggi : 1858
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Aurex il Mer Ago 26, 2015 9:27 am

si sta verificando quello che è successo a me....la cosa (ripeto) strana è che a me è capitato due su due...e sempre con l'arrivo del caldo.....solo un fitopatolo con analisi di laboratorio può stabilire se è malata e che tipo di malattia ha.....io cmq...una passata di poltiglia bordolese ce la farei....giusto per tentare.....ha cmq un larghissimo spettro d'azione....
avatar
Aurex

Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 12.01.15
Età : 47
Località : Benevento

Vedi il profilo dell'utente https://laviadelbonsai.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mer Ago 26, 2015 9:31 am

Io non ho filato, ma effettivamente vicino alle zone affette ci sono delle tracce di filatura che non so quanto prima della vendita sia stata rimossa. Stamattina ho proceduto a risanare l'ultima traccia visibile, come prima, la corteccia scurita si è sgretolata rilasciando un po' di essudato, lasciando il legno esposto ma apparentemente sano, con qualche traccia di callo ai bordi. Tutte le zone trattate non hanno più emesso fluidi di sorta per ora.

Il problema alle foglie, che non credo sia legato, con la fine del caldo si è stabilizzato (nonostante tutto il funghicida sistemico che ho dato, aggiungo io), i nuovi getti di luglio-agosto sono sani e belli verdi, ho notato che molte gemme stanno aumentando di dimensioni ma non so se ricaccerà ancora o se semplicemente stia mettendo da parte le riserve per l'autunno.

Ieri ho applicato un po' di anagokoro per la concimazione autunnale.

Come sempre vi terrò informati ed ogni consiglio è ben accetto
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mer Ago 26, 2015 9:32 am

@Aurex ho ordinato un rameico su internet, arriverà a giorni xd
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Forcellone il Mer Ago 26, 2015 12:14 pm

Il concime che stai usando ha il seguente titolo NPK 5-5-2... dovresti aumentare un pochino il potassio, il 2% è pochino per preparare la pianta per l'inverno, ancora ci siamo, ma se non è un problema cerca di integrare con l'aggiunta di potassio o cambiare concime.

Se hai pulito quei segni sul tronco e ci sono calli che si stanno formando penso che il tutto è legato a lavori di piegatura o simili. Se è così avrai delle cicatrici in futuro ma la pianta è sana.

La poltiglia bordolese, non è il caso di non usarla con il caldo..... comunque vi impiastra tutto. Si deve valutare bene.

Ciao.
avatar
Forcellone

Messaggi : 1858
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Mer Ago 26, 2015 8:44 pm

Questo pomeriggio mi è arrivato l'ossicloruro di rame ed ho spruzzato quello su tutta la corteccia, magari domani fotografo di nuovo le zone incriminate.
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Forcellone il Mer Ago 26, 2015 10:07 pm

Vediamo come procede. Wink

avatar
Forcellone

Messaggi : 1858
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Gio Set 24, 2015 6:44 pm

Piccolo aggiornamento. A inizio mese la lesione più grossa aveva accumulato ancora una goccia di liquido al di sotto del mastice, come se fosse colata quando ancora non aveva aderito correttamente. Ho rimosso il mastice e ripulito la ferita con un cutter, il legni malato aveva uno spessore di pochi mm, ho scavato fino a dove tornava bianco, somministrato funghicida sistemico alla pianta e rameico in loco, una volta seccato il trattamento ho chiuso di nuovo.
Nessun nuovo aggiornamento, il trattamento sistemico ha bruciato ulteriormente i lembi di alcune foglie ma non c'è stato alcun peggioramento imprevisto a livello del fogliame. Le foglie giovani, nate dopo il grande caldo, hanno retto anche il trattamento sistemico e sono incolumi, bordi e intera lamella sana.
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da scarboc il Ven Set 25, 2015 2:08 pm

Bene.
Chissà che cavolo di malattia ha... Neutral

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da MirkoB il Ven Ott 09, 2015 8:20 pm

AGGIORNAMENTO

A fine settembre le foglie danneggiate hanno iniziato a cadere, alcune sono anche riuscite ad ingiallire ma l'effetto non è stato un gran chè.
Oggi pomeriggio, a pianta ormai in "pausa" da più di un mese e metà delle foglie abscisse naturalmente, ho deciso di defogliarla così da poterla potare e filare. Quasi tutte le foglie sono cadute al minimo tocco, solo qualcuna era ancora saldamente fissa.
Le gemme sembrano in salute, tutti i rami sono lignificati correttamente. Non ho pile nella macchina fotografica, appena le compro faccio foto
avatar
MirkoB

Messaggi : 481
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 26
Località : San Mauro Torinese

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da scarboc il Sab Ott 10, 2015 8:50 am

Non so fino a che punto ti convenga filarla; a parte che il filo se lo terrebbe fino a questa primavera visto che la crescita in inverno è praticamente nulla, ma considerando le anomalie che hai notato io la lascerei in pace.
Tra l'altro questa cosa che al carpino cadono le foglie non mi convince molto; il mio le ha ancora quasi tutte verdi e quando si seccano non si staccano mai da sole, spesso e volentieri rimangono attaccate finchè non vengono sostituite da quelle nuove (e anche allora a volte convivono con le foglie nuove...). Però certo, non è indicativo, poi ogni individuo fa a sè.

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Carpino: ora sono proprio spaventato

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum