Ginepro raccolto in natura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 12:10 pm

Salve, tre settimane fa ho raccolto in natura un ginepro,  non sono riuscito a rimuoverlo con la zolla di terra attaccata (quindi era a radici nude) e l'ho messo in vaso con la terra da dove l'ho raccolto. Per ora sembra stare bene,ma la terra rimane costantemente zuppa e volevo sapere se a marzo converrebbe spostarlo in vaso con pomice e akadama oppure converrebbe aspettare il prossimo anno causa stress?  Grazie a tutti.

https://i37.servimg.com/u/f37/19/46/84/15/img_2010.jpg

https://i37.servimg.com/u/f37/19/46/84/15/img_2011.jpg

https://i37.servimg.com/u/f37/19/46/84/15/img_2012.jpg

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da scarboc il Lun Feb 13, 2017 12:37 pm

Immagino fosse un ginepro sul ciglio di una strada in procinto di essere investito da un tir o da una ruspa...
NON si possono raccogliere piante in natura, è vietato dalla legge.
Non rifarlo per favore, quel ginepro poteva prosperare lì dove l'hai preso e invece adesso rischia la vita per un tuo capriccio.
Comunque ora è lì, e a parte consigliarti di riportarlo dove l'hai preso, cosa che sicuramente non farai o non sarà possibile, il consiglio che ti do è quello di lasciarlo in pace, non toccarlo più per quest'anno e non bagnarlo più finchè non si asciugherà la terra.
Sembra un ginepro comune, spero tanto che ce la faccia.

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 12:39 pm

È vietato dalla legge anche se lo prendo da un terreno di mia proprietà? Non credo proprio.

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da scarboc il Lun Feb 13, 2017 12:40 pm

Dipende, se è un parco si.
Ho anch'io un terreno di mia proprietà in parco Adda ma per espiantare qualsiasi cosa devo chiedere il permesso alla forestale.

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 12:47 pm

Sinceramente non capisco il tuo accanimento, fossi andato in una zona protetta a prenderlo... L' ho prelevato da un pezzo di terra di mia proprietà non vedo cosa ci sia di sbagliato. Mi sa che qua si raggiunge i livelli di non camminare sopra l'erba altrimenti poverina le fai male. Ho chiesto una mano e mi devo sentir fare la paternale su cose che non sai e dai per scontato.

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Lun Feb 13, 2017 1:27 pm

Ci sarebbero da dire due cose, una relativa alla raccolta pratica, una relativa all'eterno problema del "si può o non si può".

Per quanto riguarda la prima: dovevi cercare delicatamente di togliere quanta più terra possibile d'origine e usare solo pomice a grano medio ben setacciata per favorire la radicazione. Non ha senso usare terra d'origine se non quella che può rimanere naturalmente attaccata alla zolla. Sei in grado di estrarla da lì senza toccare le radici e metterla in un contenitore un po' più grande con pomice ben setacciata? Se no lasciala lì ormai e incrocia le dita, i ginepri comuni sono ostici.
PRIMA CHIEDERE POI AGIRE, questo dovrebbe essere il presupposto dell'usare un forum...


Per quanto riguarda il secondo punto: parlo in generale, a me non piacciono i moralismi, mi spiace, abbiamo una coscienza e una responsabilità nella vita, se hai raccolto una pianta su fondo di tua proprietà non penso ci siano problemi a menochè la specie sia protetta in una lista espressamente indicata in una legge (regionale) e a quel punto bisogna chiedere come agire agli organi competenti (a prescindere se uno raccoglie una pianta o la abbatte per motivi edilizi o per far legname). 
Informarsi e agire di conseguenza, il forum non può dare informazioni in merito e anzi, non ha senso parlare di cose che non conosciamo nemmeno del tutto dato che le leggi non sono così scontate e precise in materia purtroppo, tipico sistema italiano lacunoso. E oltretutto le cose cambiano da regione a regione.
Quindi, per quanto mi riguarda, io critico le tue capacità di raccolta e ti esorto a non raccogliere con leggerezza perchè le piante muoiono e non è bene. Lo "yamadori" è un arte....va rispettata e imparata. Non mi interessa la faccenda LEGALE, non siamo bambini, ripeto in generale, informarsi, valutare e agire se si può, se non si può ognuno valuta con la sua coscienza.

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Forcellone il Lun Feb 13, 2017 1:57 pm

babeone ha scritto:Salve, tre settimane fa ho raccolto in natura un ginepro,  non sono riuscito a rimuoverlo con la zolla di terra attaccata (quindi era a radici nude) e l'ho messo in vaso con la terra da dove l'ho raccolto....

Prendo quelle che hai scritto ... il tutto fa pensare come ha immaginato Scarboc. Forse ha messo troppi puntini sulle iiiiiii Very Happy Very Happy

Ok tutto chiarito, è una pianta salvata a morte certa...... presa in una tua proprietà ecc. ecc.

Ciao.Wink

cheers cheers
avatar
Forcellone

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da scarboc il Lun Feb 13, 2017 2:17 pm

Come dice Dav non siamo bambini ma io un po' mi faccio prendere dall'emotività e me ne dispiaccio perchè spesso mi capita di scrivere d'impulso, e non va bene, ma non mi pento di quello che ho scritto anche se passo per la moralistona di turno.
Però come giustamente ha fatto notare Forcellone se uno scrive "ho raccolto in natura" mi vien da pensare che la pianta sia stata presa in una zona "libera", non a casa sua; e in ogni caso, come ben diceva Dav, prima ci si informa, poi si procede; se la pianta è in una tua proprietà ci saresti potuto tornare in un secondo momento con tutta l'attrezzatura giusta e i materiali appositi.
Sicuramente visto che il terreno è tuo, l'hai vista crescere, quindi sapevi di averla, possibile non pianificare l'espianto in modo che la pianta potesse affrontarlo in modo corretto?

_________________
avatar
scarboc

Messaggi : 1575
Data d'iscrizione : 10.01.15
Località : provincia di Cremona

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Forcellone il Lun Feb 13, 2017 3:31 pm

Approfitto per aprire una parentesi.

Seguo altri forum di diversa natura. Altri di bonsai li ho abbandonati per mia scelta.

Chi frequenta i forum chi più chi meno scrive delle cose.
Chi lo fa con una certa serietà e presenza, altri per sfottere o per passare due minuti e poi abbandonano il tutto, come sono entrati ne escono.
Chi si trova nel primo caso descritto sopra, scrivere dedicando il proprio tempo ad altri, se sbaglia potrebbe "sputtanarsi" se gli dice bene, se scrive cose "illegali" se è un utente conosciuto potrebbe passare dei guai seri.

Penso che sia giusto e corretto che un utente "serio" possa dire la sua in questi casi. Se poi la cosa è veramente "pesante" anche sottolineare che si sta commettendo un reato. Alla fine non sta facendo del male, anzi avvisa chi sbaglia.

Mi permetto di dire queste cose perché leggo spesso in altri forum simili di utenti che scrivono un po' ovunque senza pensare che poi resta il segno, mi è capitato di leggere le parole prese da questo forum e girate altrove, oppure consigli "interpretati male" e la pretesa di sputtanare le persone altrove e via dicendo ecc.ecc.

Per cui un piccolo sfogo su un post ci sta tutto, e ripeto leggendo anche io ho pensato come scarboc.

Ora vado che ho da fare magari chiarisco meglio se serve. Ho scritto molto velocemente potrei aver fatto cavolate. Sorry.
avatar
Forcellone

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 4:30 pm

Sinceramente non capisco... dovevo fare un video mentre andavo nel bosco per far vedere che era di mia proprietà? perche alcuni utenti di bonsai-italia forum non credono a quello che ho scritto e che nella loro saccenza dietro ad un monitor sanno che il sottoscritto ha prelevato la pianta illegalmente. Ma fatela finita, invece che farvi dei film rispondete con critiche costruttive come ha fatto Dav, ha criticato il mio modo di agire sulla pianta e facendomi notare gli errori che ho commesso e che cercherò di evitare la prossima volta. Non ho intenzione di continuare la discussione sulla legalità o meno, mentre ben vengano altre osservazione e precisazioni su cosa posso fare / evitare la prossima volta.

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Giorgioc il Lun Feb 13, 2017 4:41 pm

Allora Babeone,  credo che mi tocchi ammoniti.  Non hai alcun diritto di dettare legge qui. Frasi  del tipo "ma fatela finita" qui non sono ammesse.
Se leggi in giro tutti prelevano in terreni di proprietà o salvano piante da morte certa a causa di qualche cantiere. 
È quindi legittimo qualche dubbio.
Detto questo se tu sai di avere agito correttamente non te la prendere sul personale e non passare al contrattacco.
Sul piano tecnico Dav ti ha già risposto. Essendo a febbraio e su un tuo terreno non sottoposto a vincoli avresti anche potuto prima chiedere e poi agire. Che fretta avevi?

_________________
avatar
Giorgioc

Messaggi : 1312
Data d'iscrizione : 09.01.15
Età : 56
Località : Montagnana (PD)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 4:56 pm

Giorgioc non sto dettando leggi, semplicemente mi sembra ridicolo essere accusato e far polemica "tanto per", mi sembrano polemiche e accuse fondate sul nulla e che non portano a niente come le chiacchiere al bar. Non avevo nessun tipo di fretta, prima di effettuare l'operazione mi sono informato sul da farsi cioè " prendere la pianta con un bel pezzo di zolla e una volta a casa metterla in un vaso insieme a della pomice, per capirci stile falso rinvaso ". Il problema è giunto durante l'operazione, il posto non è dei migliori " in pendenza" quindi ho durato una fatica boia a scavare tutto intorno per fare la zolla, non potevo prelevare una zolla gigante perche vicino c'erano altre piante e delle grandi radici di un ceppo. Una volta che ho scavato tutto intorno ho tirato per staccare la zolla che secondo i miei "calcoli" (sbagliati) era quasi già tutta staccata dal terreno, nel tirare sono rimasto con la pianta a radici nude e con la paura che con il tragitto in macchina ecc la pianta potesse soffrire a radici nude ho utilizzato la terra della buca effettuata.

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Giorgioc il Lun Feb 13, 2017 5:17 pm

Ok. Discorso chiuso.
Ora occorre chiedersi se sia meglio lasciare nella terra originaria o metterla in pomice.
Se fosse mia e potessi agire subito la toglierei da li, l'avrei le radici e la metterei in pomice a grana medio grossa.
E naturalmente ne approfitterei per legare al vaso

_________________
avatar
Giorgioc

Messaggi : 1312
Data d'iscrizione : 09.01.15
Età : 56
Località : Montagnana (PD)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Forcellone il Lun Feb 13, 2017 6:56 pm

babeone, non ho mai detto che tu hai preso una pianta di straforo.
Appoggiavo Scarboc su cosa aveva interprettato  sulla base di cosa hai scrittu tu. Aggiungo che per me ci è andata pesante, ma è anche vero che la leggo da tempo per cui penso alla sua bona fede.
Ripeto ci sono aspetti che chi è di passaggio non sa e spesso si scrivono cose fregandosene di altri aspetti.


Ultima modifica di Forcellone il Lun Feb 13, 2017 6:58 pm, modificato 1 volta
avatar
Forcellone

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Tiger il Lun Feb 13, 2017 6:58 pm

Lasciando stare il discorso legalità (mi sembra che sia ben chiara la cosa a questo punto ) diciamo che il momento per prelevare questo tipo di pianta nella nostra zona,abitiamo vicini, (meno di 100 km) è presto, e magari se aspettavi un altro mesetto non era male, così avresti avuto anche tempo per chiedere prima delle info.
Prelevare un ginepro non è mai facile, su terreni di questo genere, perchè sicuramente come avrai notato hanno le radici che non vanno molto in profondità ma tendono a rimanere abbastanza in superficie strisciando e quando riaffiorano tendono a riprodursi, da prima come semplici polloni, per poi svilupparsi come nuova pianta, un po come la tua.
Quando devi prelevare (questo ti servirà per il futuro) un ginepro, devi valutare + fattori, periodo, terreno, ma soprattutto apparato radicale, punto debole della pianta, perchè difficilmente un ginepro prelevato come hai operato può attecchire, non per farti la morale, ma per farti capire che meno si tacca le radici e meglio è, soprattutto se ha questa le viene a mancare la micorriza.
Quindi con il ginepro bisogna andare moolto cauti e dato che spesso non si trova un apparato radicale facile da prelevare si rischia di perdere la pianta facilmente ( una pianta morta non serve a niente se non ad accenderci il fuoco)si agisce in maniera differente, ovvero ricostruendo un apparato radicale da 0 tramite margotta, così quando la pianta avrà sviluppato un apparato sufficiente al mantenimento della pianta stessa basterà tagliare sotto la caramella e rinvasare in pomice o akadama, senza neanche correre il rischio nel trasporto che le radici si asciughino (altra cosa importante).
A questo punto rischio per rischio rinvasa e incrocia le dita.

_________________
avatar
Tiger

Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 09.01.15
Età : 42
Località : Montevarchi (Ar) (m.s.m 200)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da babeone il Lun Feb 13, 2017 9:02 pm

Grazie a tutti dei consigli

babeone

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 29.04.16
Età : 20
Località : Borgo San Lorenzo (FI)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Lun Feb 13, 2017 9:31 pm

Dai su non è successo nulla, però veramente, per il bene delle piante e della crescita personale, ribadisco:

PRIMA CHIEDETE, POI AGITE.

Con certe essenze non si scherza, pini, ginepri su tutti, non sono olivastri o ficus che dove li metti stanno e radicano anche dopo settimane. Raccogliere malamente e uccidere le piante è un rischio che non dobbiamo permetterci di correre per questioni etiche e perché semplicemente non impariamo nulla:)

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Lun Feb 13, 2017 9:33 pm

Giorgioc ha scritto:Ok. Discorso chiuso.
Ora occorre chiedersi se sia meglio lasciare nella terra originaria o metterla in pomice.
Se fosse mia e potessi agire subito la toglierei da li, l'avrei le radici e la metterei in pomice a grana medio grossa.
E naturalmente ne approfitterei per legare al vaso


Oh yes.

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Lun Feb 13, 2017 9:50 pm

Aggiungo una curiosità: in Piemonte, da me, due rarità come GINEPRO OXYCEDRO, raro ma presente in alcune tipiche oasi secche montane assieme al rarissimo LECCIO, sono specie A PROTEZIONE ASSOLUTA ed è vietato penso persino raccogliere bacche, se ti beccano a far danni ad un cespuglio penso che ti facciano un mega verbale con reato penale.
Anche il ginepro fenicio JUNIPERUS PHOENICEA dovrebbe essere super protetto.
In questi casi forse anche su proprietà privata potresti aver problemi nel toccarli...

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Tiger il Mar Feb 14, 2017 12:55 pm

Dav86 ha scritto:Aggiungo una curiosità: in Piemonte, da me, due rarità come GINEPRO OXYCEDRO, raro ma presente in alcune tipiche oasi secche montane assieme al rarissimo LECCIO, sono specie A PROTEZIONE ASSOLUTA ed è vietato penso persino raccogliere bacche, se ti beccano a far danni ad un cespuglio penso che ti facciano un mega verbale con reato penale.
Anche il ginepro fenicio JUNIPERUS PHOENICEA dovrebbe essere super protetto.
In questi casi forse anche su proprietà privata potresti aver problemi nel toccarli...

La multa arriva a 30.000 € e poi visto che è un reato penale c'è il processo per direttissima con il reato di furto allo Stato! Quindi occhio, informarsi bene prima di agire e valutare bene se merita per una pianta correre il rischio.

_________________
avatar
Tiger

Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 09.01.15
Età : 42
Località : Montevarchi (Ar) (m.s.m 200)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da nicola76(decimo) il Mer Feb 15, 2017 2:03 pm

Dav86 ha scritto:Aggiungo una curiosità: in Piemonte, da me, due rarità come GINEPRO OXYCEDRO, raro ma presente in alcune tipiche oasi secche montane assieme al rarissimo LECCIO, sono specie A PROTEZIONE ASSOLUTA ed è vietato penso persino raccogliere bacche, se ti beccano a far danni ad un cespuglio penso che ti facciano un mega verbale con reato penale.
Anche il ginepro fenicio JUNIPERUS PHOENICEA dovrebbe essere super protetto.
In questi casi forse anche su proprietà privata potresti aver problemi nel toccarli...

In effetti l'errore comune nel quale è facile e comprensibile incappare è pensare di poter sradicare tutto ciò che cresce nella proprietà privata.
Le leggi regionali trattano (non in maniera esplicita ed esaustiva per ovvi motivi) questa materia...E possono variare completamente da regione a regione quello che magari si può raccogliere in Liguria potrebbe essere vietato in Veneto...Ecc ecc ...
Esempio su tutti il pungitopo specie protetta in molte regioni italiane... vietata la raccolta della pianta o parti di essa...
Altri generi sono vietati ma solo fino allo stato arbustivo... determiniamo quando una quercia nata in una nostra proprietà smette di essere arbusto.... Laughing
Non si finisce più....

nicola76(decimo)

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 24.06.15
Età : 41
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Mer Feb 15, 2017 2:16 pm

nicola76(decimo) ha scritto:
Dav86 ha scritto:Aggiungo una curiosità: in Piemonte, da me, due rarità come GINEPRO OXYCEDRO, raro ma presente in alcune tipiche oasi secche montane assieme al rarissimo LECCIO, sono specie A PROTEZIONE ASSOLUTA ed è vietato penso persino raccogliere bacche, se ti beccano a far danni ad un cespuglio penso che ti facciano un mega verbale con reato penale.
Anche il ginepro fenicio JUNIPERUS PHOENICEA dovrebbe essere super protetto.
In questi casi forse anche su proprietà privata potresti aver problemi nel toccarli...

In effetti l'errore comune nel quale è facile e comprensibile incappare è pensare di poter sradicare tutto ciò che cresce nella proprietà privata.
Le leggi regionali trattano (non in maniera esplicita ed esaustiva per ovvi motivi) questa materia...E possono variare completamente da regione a regione quello che magari si può raccogliere in Liguria potrebbe essere vietato in Veneto...Ecc ecc ...
Esempio su tutti il pungitopo specie protetta in molte regioni italiane... vietata la raccolta della pianta o parti di essa...
Altri generi sono vietati ma solo fino allo stato arbustivo... determiniamo quando una quercia nata in una nostra proprietà smette di essere arbusto.... Laughing
Non si finisce più....

Esatto, infatti è un bel casino. Anche qui mi pare CALLUNA (erica) e RUSCUS (pungitopo) siano protette. Le querce non sono protette tranne una specie particolare mi pare QUERCUS CRENATA ma non sono sicuro, comunque valle a riconoscere in natura le varie querce con precisione? qui ne abbiamo 5-6 specie o presunte tali, considerando che si ibridano...

PEr non parlare di tantissime piantine erbacee che si potrebbero usare come shitakusa o kusamono, intoccabili in montagna.

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Forcellone il Mer Feb 15, 2017 3:00 pm

Siamo fuori dal Thread, non so se proseguire e comunque non arriveremo a nulla di certo e chiaro.

Tempo fa feci una serie di telefonate alla Forestale per capire come funziona la certificazione CITES per i rettili, alla fine non sono riuscito a trovare una persona che mi abbia saputo chiarire i vari dubbi, ho parlato proprio con le persone N.1 di più non c'è. Purtroppo anche queste persone mi hanno detto poco e spesso creandomi altri dubbi.
Sono venuto a conoscenza più o meno di varie informandomi nel tempo e con molta difficoltà.
C'è molta confusione e si sentono le cose più strane.
Vi faccio un banalissimo esempio:
Non mi invento nulla, è sotto gli occhi di tutti, basta andare in rete e cercare un "animale protetto" una la semplicissima tartaruga, personalmente ho contattato molte persone, non parlo di venditori dei paesi dell'est, ma "italiani privati" che vendono questi animali senza nessuna certificazione e relativo microcip ,non sanno neppure che il rettile la deve avere per legge, se ne sono sprovviste oggi non puoi più certificarle e sei un fuorilegge.
La cosa grave che spesso molte persone che comprano questi animali sono completamente "ignoranti in materia" e non sanno neppure a cosa potrebbero andare in contro se vengono presi con l'animale tra le mani.

La cosa vale anche per le piante.
Ci sono piante che sono protette in vari modi, come anche piante vietate, alcune non le puoi toccare anche se il terreno è il tuo.
Ma al fine non ho mai sentito dire o fare nulla.... in rete ed in alcuni forum ci sono foto e video di raccoglitori di Araki armati di tutto rispetto e con piante prese nei boschi ovunque capiti. Addirittura alcuni sono venditori.
Alla fine non capisco come facciano.... non ho parole.

Finisco con un piccolo sfogo, leggevo da qualche parte tempo fa che vogliono inserire il certificato CITES anche per le piante che abbiamo in casa o giardino, "non ricordo se era anche una sorta di certificato sanitario". Servirebbe per regolare o controllare le vendite le importazioni ecc. ecc. Sarà un modo italiano per spillare dei soldi al popolo, invece di far rispettare le leggi che già abbiamo si aggira la questione come spesso accade in questo paese del "cavolo. affraid "... per rimanere in tema di vegetali Very Happy
avatar
Forcellone

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Dav86 il Mer Feb 15, 2017 5:26 pm

Tra un po' pagheremo una tassa per l'aria Smile Potrebbe essere interessante una tassa su ogni albero che possediamo nel nostro giardino, sarebbe il caso che mi trovassi un buon ponte sotto il quale dormire ahahah

_________________
avatar
Dav86

Messaggi : 2196
Data d'iscrizione : 12.01.15
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro raccolto in natura

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum