Uscire dagli schemi o no?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da boba74 il Lun Feb 23, 2015 12:26 pm

Beh, se sopra ci metti quella composizione (ormai famosa8) ), io il tavolino sotto lo colorerei con 50 sfumature di grigio..... Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing



_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.

avatar
boba74

Messaggi : 421
Data d'iscrizione : 09.01.15
Località : Ferrara

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da boba74 il Lun Feb 23, 2015 12:36 pm

Comunque, per tornare alle libere interpretazioni del bonsai, spesso c'è la diatriba: stile classico giapponese o reinterpretazione in chiave occidentale, ma in realtà siamo così sicuri che i bonsai giapponesi sono davvero così "classici"? Prendi ad esempio un kimura, pure lui usa un sacco di artifizi pseudo-moderni, eppure è un giapponese.
Cioè, come tutte le creazioni artistiche, i "canoni" non sono mai assoluti secondo me, perchè cambiano nel tempo, questo vale anche per la musica o l'arte in genere. Il problema quindi non è se una certa impostazione sia giusta o sbagliata di per sè, ma cercare di "indovinare" in una ipotetica gara/manifestazione o altro se chi giudica lo potrà apprezzare o meno. E' quindi colui che "giudica" ad avere il potere di stabilire se i canoni possono essere violati oppure no, ed è l'artista che deve decidere se "adeguarsi" a chi giudica o esprimersi liberamente se se la sente....
Quindi il problema si sposta: chi "giudica" i bonsai? E laddove a giudicare sono in "pochi" è corretto che siano sempre i soliti "pochi" a dettare le regole del gioco?

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.

avatar
boba74

Messaggi : 421
Data d'iscrizione : 09.01.15
Località : Ferrara

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da Giorgioc il Lun Feb 23, 2015 11:52 pm

Hai ragione Boba; anche in Giappone ormai la fa da padrone il bonsai "artistico ".
Metto questa parola tra virgolette in quanto una possibile semplificazione potrebbe essere anche tra chi fa bonsai cercando di mostrare la propria mano e chi al contrario cerca di nascondere il gli interventi umani.
in linea di massima mi sembra che chi tende a "mostrarsi" ed a farsi riconoscere, anche con espedienti a volte bizzarri, lo faccia a scopi commerciali. Legittimi certamente , ma a volte discutibili dal punto di vista della ricerca della bellezza.
Probabilmente non sono titolato a fare questi discorsi in quanto non sarei ad esempio capace di realizzare un bonsai come l'olivastro messo da Zino Rongo in un copertone e forse la mia critica è semplicemente invidia.
Rimango comunque del parere che il bonsai sia bello anche per questo. Capace di dare soddisfazioni a eterni principianti come me ed a maestri nelle più disparate accezioni. Classici o new style.

_________________
avatar
Giorgioc

Messaggi : 1298
Data d'iscrizione : 09.01.15
Età : 55
Località : Montagnana (PD)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da Claudia Marconi il Mar Feb 24, 2015 2:51 am

boba74 ha scritto:Beh, se sopra ci metti quella composizione (ormai famosa8) ), io il tavolino sotto lo colorerei con 50 sfumature di grigio..... Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing
Boba m'hai fatto morì!!! Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

La questione sollevata da Franco comunque è annosa e molto spigolosa... Neutral  Io penso che conti molto la conoscenza di una data arte prima di giudicare e di sapere addirittura cosa ci piace e cosa no. Mi è capitato personalmente un episodio che forse ho già raccontato, che evidenzia come con la conoscenza muta notevolmente anche il nostro gusto. Rolling Eyes  Nel mio caso si trattava di pittura, in particolare un quadro di Picasso che suscitava in me più o meno lo stesso sentimento che suscitano a mi' madre praticamente tutti i quadri moderni o astratti: "aò è più bello er disegno che ha fatto a scuola mi' nipote de sto scarabocchio". clown Poi un po' lo studio in generale, ma soprattutto un seminario tutto incentrato su questo quadro specifico, mi hanno fatto capire e vedere delle cose che neanche immaginavo e mi si è aperto un mondo immenso! cyclops  Ovviamente mi sono innamorata alla follia di quel quadro, c'era una profondità come un baratro infinito di significati ed emozioni, voglio dire che solo dopo che ho "saputo" mi ha potuto suscitare questo mare di emozioni e piacermi tanto!

Ora nel mio piccolo mi sta succedendo anche col bonsai, nei primi anni mi piacevano certe forme più naturali e per esempio non mi piacevano certi bunjin considerati invece la massima sublimazione della bellezza nel bonsai... Suspect  "bah uno zeppo co due peletti in cima, che c'avrà di bello" che è l'equivalente del commento di mia madre sui quadri che dicevo prima... Embarassed  Ora non posso dire di conoscere il bonsai e la sua filosofia, ma ho cominciato a conoscere qualcosa in più e già mi si è aperto un mondo e so quindi per certo che addentrandocisi veramente si potrebbero rivoluzionare tutti i concetti e le credenze che ho avuto finora, e solo allora potrei capire veramente se un bonsai o un vaso o un tavolino fatti in un certo modo sono qualcosa di sublime o di pacchiano (ancora non mi sento in grado e non mi esprimo). Rolling Eyes  Non sto assolutamente dicendo che le innovazioni non sono valide e lo sia solo il bonsai classico, assolutamente no! Ma è un po' come nella musica, che anche un pochino conosco, se uno non la conosce capace che gli piace di più un motivetto di una pubblicità fatto con due accordi piuttosto che un gran pezzo di musica classica o un gran pezzo di musica futuristica: voglio dire, una volta che uno sa, sa anche giudicare una musica completamente innovativa mai sentita prima e distinguere se è qualcosa di notevole o una ciofeca. Rolling Eyes  In tutto ciò c'è anche la mia personale risposta alla domanda di Boba: chi dovrebbe giudicare un bonsai? Dovrebbe farlo chi ne sa veramente...

_________________
"Intanto lo faccio, poi mi pento!" (Bud Spencer Cool )
avatar
Claudia Marconi

Messaggi : 247
Data d'iscrizione : 11.01.15
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da Forcellone il Mar Feb 24, 2015 9:36 am

"ARTE" ... bonsai, quadri ecc.

(E' solo per parlare).
Mi interessa moltissimo questo aspetto, ma in questo modo è molto complicato comunicare e spiegarsi, si rischia solo di fare confusione e di scrivere molto.

Si devono fare anche delle distinzioni, e come dici tu se l'artista ti spiega l'opera è forse più facile apprezzare e capire, ma molte volte questa viene spiegata da altri come "critici o mercanti" interessati ad altro e ti raccontano quello che vogliono, soprattutto se l'artista è defunto.

Ci sono quadri realistici ben fatti ma di poco interesse e quadri anche "astratti" che attirano l'attenzione e incuriosiscono. Chi li compra per arredare e chi li compra perché li trova belli e li vuole avere anche se non fanno pendant con i mobili e i prezzi lievitano. Alla fine l'arte la muove il mercato e i venditori, gli artisti ben poco forse una piccola fettina.

Come dicevo, ci sarebbe da parlare per ore e giorni, ma non è il caso, potrei raccontare dei fatti che mi sono accaduti personalmente, ma non sono qui per questo.... chiudo.

Ciao.
avatar
Forcellone

Messaggi : 1766
Data d'iscrizione : 13.01.15
Località : Pomezia/Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da francobet il Mar Feb 24, 2015 1:57 pm

estraniandosi un po' dal discorso del post, a me piacciono molto le cosa strane, eclettiche, fuori dagli schemi ( sicuramente il lavoro che faccio mi ha portato a questo ).
già quando ho ristrutturato casa, mi sono espresso, in modo soft però perché la padrona è un po' più calma ( anche se devo dire che si è plasmata anche lei rispetto all'inzio.
per dare un'idea, ho fatto la cucina con rivestimento arancio, una porta, con olbò, arancio, battiscopa in vetro arancione, tavolo e sedie arancioni....e tutti gli accessori, ovviamente, arancioni.
il bagno; rivestimento mosaico nero nella doccia, dietro ai sanitari mosaico lineare beige, piano lavabo pietra ricostruita e resina bordeaux, una parete sparata verde acido, il mobile wengè ed i termoarredi in metallo
sala: parete sparata bordeaux con appeso un quadro importante, tavolo moderno allungabile in vetro / acciaio, sedie antiche in noce, colorate bordeaux con cuscini in tela moderni( ne volevo fare 3 bordeaux e 3 verde acido...hanno messo il veto ), camino centrale in pietra spaccata a mano e mobili uno in legno antico e l'latro moderno wengè...
detto così sembra un cesso...invece se si abbina il tutto con gusto estetico, e con armonia......non si ci accorge di nulla.
quando dico, a chi viene n casa mia , che in bagno ci sono 7 colori diversi.....ritornano dentro a controllare!!!

_________________


avatar
francobet

Messaggi : 1309
Data d'iscrizione : 11.01.15
Età : 57
Località : Serramazzoni ( MO )

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Uscire dagli schemi o no?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum