Inizio l'avventura, ma come?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Inizio l'avventura, ma come?

Messaggio Da maraglia il Lun Apr 03, 2017 10:17 pm

Buonasera a tutti, mi chiamo Marco e ho 26 anni.
Sono sempre stato affascinato dai bonsai e dalla cultura orientale e ora mi è tornata per la seconda volta la voglia di provare ad entrare in questo mondo! La prima volta avevo postato qui penso nel 2013-2014, ma non trovo più la conversazione...

Dal momento che ho un giardino piccolo ma ben fornito di piante vorrei iniziare utilizzando le essenze di casa, ben consapevole che i tempi saranno più lunghi se non trovo rami già sviluppati, ma a livello emotivo è tutta un'altra cosa che forse comprare la semplice pianta nel vivaio non mi trasmetterebbe (gli alberi piantati dai nonni anni fa, quelli dell'infanzia ecc.)... il problema della prima volta che ho provato, risalente a tre anni fa in questo periodo, è che ho fatto delle margotte e non ha funzionato nemmeno una a fine estate! Stavolta riuscirò con le talee in attesa di qualche piantina che spunta dalla base prima o poi?
Le piante che vorrei curare sono tante perchè vorrei diversificare mentre sperimento: Alloro, melograno, acero giapponese, ulivo, rosmarino, portulacaria ovata.

Per ora sono al rametto di rosmarino vel vasetto d'acqua che dovrebbe far radici in 15 giorni (spero) e una piantina di portulacaria di una ventina di cm che prometto di fotografare domani...

Ho letto tanto sulle talee ma ho mille dubbi, non parliamo dei bonsai tra vasi opportuni, rinvasi, potatura, fertilizzanti ecc.
Dove posso studiare come fare? Pdf, siti, libri? C'è qualcuno tra Piacenza e Cremona o Club in zona?

Vi ringrazio tantissimo in anticipo per l'aiuto.

Marco
avatar
maraglia

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 03.11.16
Età : 26
Località : Piacenza

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inizio l'avventura, ma come?

Messaggio Da daniele il Mar Apr 04, 2017 7:42 am

maraglia ha scritto:Dal momento che ho un giardino piccolo ma ben fornito di piante vorrei iniziare utilizzando le essenze di casa, ben consapevole che i tempi saranno più lunghi se non trovo rami già sviluppati, ma a livello emotivo è tutta un'altra cosa che forse comprare la semplice pianta nel vivaio non mi trasmetterebbe (gli alberi piantati dai nonni anni fa, quelli dell'infanzia ecc.)... il problema della prima volta che ho provato, risalente a tre anni fa in questo periodo, è che ho fatto delle margotte e non ha funzionato nemmeno una a fine estate! Stavolta riuscirò con le talee in attesa di qualche piantina che spunta dalla base prima o poi?

Questa premessa mi ha fatto drizzare le antenne in quanto è praticamente il mio unico modo di procurarmi delle piante (a farne bonsai ne passa, come ho imparato nel tempo) Smile
Il discorso affettivo, poi, non mi è nuovo in quanto molte delle mie piante mi riconducono a luoghi o tempi in cui mi sono procurato il materiale di partenza e lo condivido pienamente. Fa piacere sentire un giovane romantico (scusa se ti do del giovane, ma tutto è relativo) in un' epoca in cui ben poco sembra esser lasciato al romanticismo.
Quanto all'aspetto pratico, le margotte sono un ottimo sistema per procurarsi piante già abbastanza formate, vedrai che col tempo e l'esperienza ci riuscirai; le piante che hai citato (scarterei l'alloro come bonsai) sono abbastanza facili da riprodurre per talea e margotta. L'acero giapponese costituisce un discorso a sé in quanto la maggior parte delle belle varietà in commercio sono innestate su di un selvatico (quello sì riesce per talea e non è per niente brutto  Smile ), quindi la parte superiore, quella di pregio, per intenderci, nella stragrande maggioranza delle varietà va dall' impossibile al difficile. La portulacaria mette radici solo a guardarla Very Happy . Dell'ulivo non ho esperienza diretta, ma mi sembra di aver letto che non presenta difficoltà. Rosmarino e melograno si prestano bene anche ad essere riprodotti per margotta. Del melograno radicano anche talee piuttosto grosse.
Comunque guardati attorno, molti alberi producono semi, mediamente pronti in autunno, e crescono velocemente anche da questi. In aggiunta, hai il vantaggio di poterli " foggiare" sin dall' inizio in quanto materiale duttile.
Sono aceri (delle varie specie), carpini, faggi, querce, melograni ecc. ecc.
Se non demordi, ti informi bene ed hai costanza, tra qualche anno potrai toglierti qualche bella soddisfazione.
Se frequenti un Club e persone più esperte nella tua zona, se segui un corso, partirai senz'altro col piede giusto Smile Smile
avatar
daniele

Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 13.01.15
Età : 67
Località : SAN DONA' DI PIAVE - VE

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inizio l'avventura, ma come?

Messaggio Da maraglia il Mar Apr 04, 2017 10:11 am

Grazie per l'intervento.

Mi scuso in anticipo per la valanga di domande:

La margotta l'ultima volta mi ha scoraggiato non poco, penso di provare con la talea, ma il procedimento che ho letto è giusto?
- taglio il ramo a 45°
- lo lascio ammollo nell'acqua qualche minuto e poi sporco nella polvere radicante
- lo pianto nella terra e lo annaffio di frequente per mantenerlo umido
Altro?

L'acero presumo sia giapponese ma non ne sono sicuro, non ha la corteccia bianca come il rosso di cui ho visto alcune foto ma ha le foglie rosse sempre, che io sappia non è stato innestato ma è una piantina cresciuta in 20 anni.

Il rosmarino è riproducibile per talea anche con rami già lignificati e di un certo spessore? Sempre in acqua o va messo nella terra? Potrei provare perchè ne ho in abbondanza, ma se ne tolgo troppo a mia madre per gli arrosti mi lascia a digiuno Laughing

La portulacaria che ho travasato ieri è questa, è già con radici ben formate ed è alta 20-25cm:

Proverei già a darle una forma ecc, però i rami mi sembrano molto fragili, se applico il filo non si spezzeranno? Quale stile mi consigliereste?
Inoltre vedo pochissime foglie su rami molto lunghi, in questo caso spunteranno nel tempo anche più in basso o dovrò usare altri metodi? La mia intenzione è tenerla non più grande di così se non più piccola.

L'ultima preoccupazione è che in zona non conosco nessun Club di appassionati, non ne ho trovati nè a Cremona nè a Piacenza...qualcuno ha più informazioni a riguardo su corsi o club? Altrimenti libri o video online utili?

Grazie
avatar
maraglia

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 03.11.16
Età : 26
Località : Piacenza

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inizio l'avventura, ma come?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum